REAL DEAL + INFO & OFFERTA

Nei primi del 2017 potete rivalutare quello che sarebbe per voi più vantaggioso, se con l’anno nuovo costituire una nuova società o liquidare quella vecchia che è nel vostro possesso?

All’atto di costituzione di una nuova società si può avere una impressione che si ha bisogno di una nuova società senza storia che vi aiuta a fare gli affari commerciali, però, è importante non omettere l’obbligo di una licenza fiscale. Il vantaggio è che nel corso del primo anno di attività dell’impresa la licenza non si paga. La società può essere costituita in due giorni.

Però, dopo il primo anno dell’attività di una persona giuridica la legge dispone l’imposta minima (la cd. licenza fiscale) relativa al reddito raggiunto nell’anno precedente, che ammonta per una persona giuridica non contribuente IVA ad Euro 480 e il contribuente IVA paga l’imposta minima pari a EURO 960,-.

In particolare, quando all’ultimo giorno del periodo d’imposta il contribuente non paga l’imposta sul valore aggiunto (IVA) e raggiunge il fatturato annuo non superiore a € 500 000, comunque paga la licenza fiscale pari a € 480.

Nel caso che all’ultimo giorno del periodo d’imposta il contribuente paga l’IVA e raggiunge il fatturato annuo non superiore a € 500 000, comunque paga la licenza fiscale pari a € 960.

Nel caso che all’ultimo giorno del periodo d’imposta il contribuente raggiunge il fatturato annuo superiore a € 500 000 senza riguardo al fatto se paga l’IVA o no, deve pagare la licenza fiscale pari a € 2 880.

Nel caso si decida di liquidare la vecchia società commerciale, è possibile subito cominciare a liquidarla. Una società in liquidazione non è tenuta a pagare la licenza fiscale. La procedura di liquidazione può durare qualche mese.

In caso di qualsiasi chiarimento si prega di contattarci.

Saremo lieti di fornirvi i nostri servizi.

Contattateci

Post correlati:

Show Buttons
Hide Buttons